Itinerari per una crociera in barca a vela - Costa Sud Sardegna

barca a vela - Costa Sud Sardegna
  • Base: Carloforte o Cagliari
  • Durata: 1 settimana
  • Distanza: 140 miglia
  • Tappe suggerite: Carloforte > Cala Domestica > Masua > Calasetta > Porto Pino > Teulada > Golfo Malfatano > Chia > Pula/Nora


Itinerario facile ed estremamente suggestivo dal punto di vista naturalistico, nella costa più selvaggia della Sardegna. Consigliato a chi cerca una vacanza tranquilla fatta di notti in rada, bagni mattutini e serate all'insegna della buona tavola. La scelta è ampia, si può optare per uno dei ristoranti sulla bellissima passeggiata di Carloforte dove potrete gustare piatti tipici a base di tonno e il famoso Cascà, oppure scegliere qualche agriturismo sulle montagne di Teulada.


Il chiasso della città svanisce dopo pochi minuti, l’immersione della natura è iniziata. Una crociera lungo il sud ovest della Sardegna, anche in periodi diversi dall’estate, dona emozioni autentiche, di pienezza, la sensazione di sentirsi pionieri, nella scoperta di una zona ancora sconosciuta dove impera il maestrale. Ma che tanti ridossi, naturali e non, dona anche al velista più prudente.  

spiaggia di Pula

NORA

L’ansa naturale della spiaggia di Pula, sormontata dall’insediamento prima fenicio, poi punico e romano raggiungibile con il tender (per una visita e saperne di più www.sardegnacultura.it/) merita una sosta anche notturna, resa possibile dai circa 4 metri di fondale. 

Il consiglio della Carloforte Sail Charter: il porticciolo di Perd’e Sali risulta attualmente insabbiato e non consente l’ingresso nemmeno ai natanti, così come al catamarano.


 scogli di Su Giudeu

NORA - CHIA

Le celebri dune di sabbia, deserte e abbaglianti, contrastano con il turchino del mare e le chiazze verdone del ginepro che vi si appiglia. Inizia il tratto più affascinante e puro della costa meridionale. Possibile dare fondo a Cala Morto e a ponente degli scogli di Su Giudeu. 

CHIA - TEULADA

Almeno uno sguardo a Cala Cipolla (ancoraggio 4 metri) introduce all’imponente mole di Capo Spartivento che, come dice il nome stesso, assicura alla zona la pace dei venti, prima di sfociare nella splendida Tuerredda. 


Davanti alla spiaggia punteggiata di verde, si staglia l’omonimo isolotto separato dalla costa da un istmo appena sommerso, base ideale per un ancoraggio anche notturno. Pochi bordi di navigazione pulita e piena separano Tuerredda da Porto Malfatano (il cui passaggio richiede estrema prudenza per la presenza di zone di basso fondale) e dal porto di Teulada, nuovo Marina inserito nell’omonimo golfo e dotato di tutti i comfort. 


Alla distanza con il paese di Teulada (6 km) si rimedia con il servizio… E sempre un’auto privata conduce fino all’agriturismo Sa Tiria, da cui si gode una splendida cena tipica. 

TEULADA - PORTO PINO

Doppiato Capo Malfatano e terzarolata la randa in caso di maestrale, si entra nell’area del poligono militare, che d’inverno è terra di esercitazioni (prima di partire, è opportuno rivolgersi alla Capitaneria di Sant’Antioco), dove è vietato l’accesso a terra. Limiti che, tuttavia, preservano la zona dalla balneazione, conservandola incontaminata e bellissima. La trasparenza e i toni acquamarina dello specchio d’acqua di Porto Zafferano sono da cartolina.


L’ultima della costa meridionale: affrontato Capo Teulada, si è già sulla Sardegna Orientale. Prima di affrontare le isole minori, Porto Pino vale una sosta anche notturna per le sue dune sormontate da boschi di pino d’Aleppo. Aggirata la secca di Cala Piombo, si getta àncora senza problemi a 4-6 metri. 

PORTO PINO - SANT'ANTIOCO

Le manca il blasone turistico di Carloforte, ma anche Sant’Antioco merita una visita. Affrontato il golfo di Palmas dopo Capo Sperone, estrema punta meridionale dell’isola (in realtà collegata alla terraferma da un istmo tanto largo da essere percorribile anche in auto in entrambi i sensi di marcia) di Sant’Antioco si risale lungo il versante orientale, alla volta del Porto Romano. 

A meno che le condizioni meteo non siano tanto favorevoli da solleticare una deviazione a sud verso gli isolotti della Vacca e del Toro per un rapido bagno. 


In direzione opposta, sulla punta settentrionale di Sant’Antioco è la cittadina di Calasetta, dotata di porticciolo attrezzato. 

SANT'ANTIOCO - CARLOFORTE

Pochi bordi separano Sant’Antioco dall’isola di San Pietro e dal suo unico centro abitato Carloforte, punto di partenza per uno splendido itinerario giornaliero (Itinerario isola di San Pietro). 

CARLOFORTE - BUGERRU

18 miglia: fatto rifornimento al porticciolo dei pescatori (l’ingresso è da affrontare con cautela e tenendo il centro, visto il digradare degli estremi della diga), si parte verso la costa orientale, rocciosa, maestosa e carica di storia. 


Dopo la lunga spiaggia di Funtanamare, si approda alla ripida scogliera di Nebida in cui si incastona Porto Flavia, suggestivo accesso a picco alla vecchia zona mineraria che nei primi decenni del Novecento produceva carbone. La navigazione procede rapida verso il Pan di Zucchero, insieme di faraglioni forati da percorrere con il tender in ogni direzione, lasciando la barca alla fonda senza  preoccupazioni (il fondale è alto e sabbioso). La notte può trascorrere in rada, nello splendido fiordo di Cala Domestica, completamente ridossato dal maestrale. Ricchissima la scelta di escursioni a terra (vedi sotto “Link utili”)


Il consiglio della Carloforte Sail Charter: il porto di Buggerru è attualmente insabbiato, prima della partenza è bene sincerarsi delle condizioni meteo in arrivo, per non trovarsi bloccati a metà strada. In caso di maestrale, la navigazione è consigliabile solo in caso di grande esperienza. I ricoveri più vicini sono il fiordo di Cala Domestica e il porto di Tharros, distante però 33 miglia. 

METEO

Il clima, tipicamente mediterraneo e di scarsa piovosità, limitata per lo più alla stagione invernale, è rinfrescato dal maestrale, piuttosto costante così come la termica, che interessa tutto l’itinerario a partire dalla tarda mattinata fino al pomeriggio. 


MARINE PRIVATE


DISTRIBUTORI GASOLIO


RISTORAZIONE

  • Ristorante Malfatano Beach
    Malfatano • Tel. +39 340 9004 069 • www.malfatano-beach.com

  • Agriturismo Sa Tiria
    Teulada  • Tel. 070 9283 704 / +39 333 3517 775 • www.satiria.it

  • Taverna Blue Marlin

  • Porto Pino • Tel. +39 340 9769 655

  • La Peschiera
    Porto Pino •  Tel. +39 339 3458 146

ONE WAY: Un viaggio intelligente

La formula "One way" è, a nostro avviso, la migliore opzione per le vacanze in barca a vela. In poche parole il viaggio di sola andata permette di approdare in un porto diverso da quello di partenza.


In questo modo si ha la possibilità di raggiungere luoghi più lontani senza subire lo stress di tornare "sui propri passi", procedendo più lentamente per assaporare ogni momento prezioso.


🌊🌊🌊🌊🌊🌊



Sebbene richieda uno sforzo organizzativo notevolmente maggiore, facciamo tutto il possibile per facilitare questo tipo di crociera, sapendo che ti stiamo offrendo una vacanza con più opportunità.


Non ti resta che scegliere tra gli itinerari proposti periodicamente e goderti le bellezze e le emozioni che solo questo tipo di viaggio sa regalare.


ONE WAY: DA CARLOFORTE A CAGLIARI • UNA SETTIMANA • 90 mg

1° GIORNO

Quando arriverai all'aeroporto di Cagliari per raggiungere Carloforte possiamo organizzare il trasferimento privato. In 40 minuti arriverai al porto dei traghetti per poi raggiungere Carloforte in 30 minuti attraversando comodamente il traghetto.

Dopo il check-in è possibile visitare il centro storico di Carloforte. La sera puoi cenare a ristorante, puoi scegliere di cenare in uno dei tanti ristoranti della paese, una cena tipica, il piatto principale è il tonno rosso di Carloforte pescato proprio nelle Tonnare dell'Isola, uno dei pochi stabilimenti ancora in funzione nel Mediterraneo.


2° GIORNO: CARLOFORTE-MASUA-CALA DOMESTICA (18 mg)

Per il secondo giorno puoi andare a nord, visitare lo scoglio del Pan Di Zucchero, riconosciuto patrimonio mondiale dell'UNESCO. Di fronte alla piccola isola, l'uscita del tunnel minerario di Porto Flavia si affaccia sul mare, magicamente sospesa a metà della parete rocciosa. Quindi fermati a fare una nuotata a Cala Domestica e torna a Masua dove puoi pernottare, potrai andare  a cena nel ristorante che troverai sulla spiaggia, Warung Beach Club & Restourant (+39 392.8197964).

Maggiori informazioni: https://www.sardegnaturismo.it/en/explore/pan-di-zucchero-and-sea-stacks-masua


3° GIORNO: TOUR DI SAN PIETRO (18 mg)

Per il terzo giorno ti consigliamo di circumnavigare l'isola di San Pietro, ammirando le incantevoli spiagge, le scogliere, le grotte, il faro dell'isola e fermandoti nelle baie più riparate, con vento da maestrale (NW), Cala Guidi, Capo Sandalo, La Mezzaluna e con il vento dello Scirocco (SE), Cala Vinagra, Nasca, La Caletta...

Ti suggeriamo di arrivare a Carloforte, nella nostra base, entro le 18:00, in modo da poter fare rifornimento (i gestori della compagnia di noleggio si occuperanno del rifornimento di carburante nelle barche). Quando arrivi al porto turistico di Carloforte, dopo aver sistemato la barca, puoi visitare il centro storico di Carloforte. La sera puoi cenare a ristorante, puoi scegliere di cenare in uno dei tanti ristoranti della città, una cena tipica, il piatto principale - il tonno di Carloforte - pescato proprio nelle Tonnare dell'Isola, una delle poche ancora in funzione nel Mediterraneo.

San Pietro non è noto solo per le sue coste da un lato frastagliate e dall'altro ricche di spiagge, ma affascina anche le persone che guardano oltre... che vogliono conoscere la ricca storia che circonda l'isola e la sua popolazione. (https://www.sardegnaturismo.it/en/explore/san-pietro-0)


4° GIORNO: SAN PIETRO-PORTO PINO (24 mg)

Per la quarta giornata, dovendo poi pensare di arrivare a Cagliari, iniziare in direzione sud, una sosta per il pranzo a Torre Cannai - Sant'Antioco e poi passare la notte a Porto Pino, un'incantevole baia dove è possibile ancorare, proprio davanti ad un piccolo porto di pescatori  che puoi raggiungere con il tender.

Puoi decidere di acquistare pesce fresco dai pescatori locali o andare a cena in uno dei diversi ristoranti che troverai sia nel piccolo paese sia sulla spiaggia. C'è una gemma mediterranea, un posto bellissimo molto vicino alla perfezione della natura, un ecosistema ambientale in armonia tra mare, dune, vegetazione e lagune. La baia di Porto Pino si estende per circa 6 km, tutta spiaggia di sabbia bianca, per terminare con le Dune, tra le più grandi d'Europa. Puoi raggiungerli in barca o a piedi facendo una passeggiata romantica. (https://www.sardegnaturismo.it/en/explore/porto-pino)


5° GIORNO: PORTO PINO-CALA ZAFFERANO-TEULADA (12 mg)

Per la quinta giornata da Porto Pino in circa mezz'ora ci si può fermare a fare il bagno in una delle numerose baie del Golfo di Teulada, una delle spiagge principali e più incantevoli da visitare è Cala Zafferano, si ancorerà su un fondale sabbioso intorno ai 5 m, e potrai goderti un bagno nelle sue acque cristalline. 

Ci sono anche altre baie tra le quali consigliamo cala di Porto Scudo o cala di S'Ortixeddu.

Intorno alle 18.00 puoi entrare nel porto di Teulada, dove troverai servizi di terra, servizio Bar-Marina, docce, acqua ed elettricità.

Per la sera ti consigliamo di prenotare in uno dei ristoranti tipici sardi, dove potrai gustare piatti tipici. Ristorante Sa Tiria +390709283704.


6° GIORNO: TEULADA-MALFATANO-TUAREDDA-CHIA–PULA (30 mg)

Per il sesto giorno puoi partire da Teulada e fare una sosta a Tuaredda nel Golfo di Malfatano, per poi proseguire con una seconda fermata a Chia, anche qui una lunghissima spiaggia  di sabbia bianca finissima. Dove puoi ancorare? Esattamente vicino all'Isola di Su Giudeu.

Nel tardo pomeriggio, navigando lungo la costa sud-orientale, arriverete a Capo di Pula dove vi ancorerete per la notte.


7° GIORNO: PULA-CAGLIARI (20 mg)

Per il tuo settimo giorno ti sveglierai nella baia di Pula, avrai l'opportunità di rimanere lì fino all'ora di pranzo. La sabbia bianca a grana grossa, le rocce piene di vita naturale, la torre che domina e le rovine di antiche civiltà rendono questa destinazione unica e inconfondibile. La spiaggia di Nora è una delle più famose di Pola, grazie allo sfondo delle vicine rovine romane. La baia è racchiusa da scogliere e dal promontorio, con la splendida torre del Coltellazzo, ed è quindi riparata dal vento. Quando il vento del nord soffia forte, la spiaggia è perfetta per godersi il sole e nuotare nel mare limpido e poco profondo, ideale per i bambini. I toni luccicanti del mare blu ti invitano a fare il bagno, fare immersioni o pescare sott'acqua. Ha un notevole valore storico, situato vicino al parco archeologico di Nora. La città vecchia fu fondata dai Fenici tra il IX e l'VIII secolo a.C. Tuttavia, le tracce dei Fenici e dei Punici sono state per lo più coperte dai Romani. L'area è situata ai piedi di Capo Pula, il vecchio porto, separato dalla terraferma da un istmo, che offre un rifugio sicuro da qualsiasi vento. (https://www.sardegnaturismo.it/en/explore/nora)

Quindi parti e dirigiti verso Cagliari, la tua ultima destinazione. Ti consigliamo di arrivare in Porto a Cagliari entro le 17:00, in modo da poter fare rifornimento e dirigersi al tuo ormeggio nella nostra base a PortusKaralis. Quando arrivi al porto turistico di Cagliari, ormeggiata e riordinata la barca, potrai fare un giro nel centro della città che troverai di fronte alla nostra base.

La sera puoi andare a cena al ristorante, puoi scegliere di cenare in uno dei tanti ristoranti in città. Una cena tipica sarda? Ristorante Su Cumbidu, Via Napoli +39 070670712.


8° GIORNO ORE 9.00

Dopo il check-out, potrai visitare il centro storico in taxi o in autobus o a piedi, trovandosi per la maggior parte proprio di fronte alla Marina. Oppure potrai prendere un taxi o anche il treno che ti porterà all'aeroporto in pochi minuti, per la tua partenza.

 vela spiagge vacanza imbarcazioni vela vacanza giro in barca

ONE WAY: DA CARLOFORTE A CAGLIARI • UNA SETTIMANA • 120 mg

1° GIORNO

Quando arriverai all'aeroporto di Cagliari per raggiungere la nostra base a Cagliari - Portus Karalis, possiamo organizzare il trasferimento privato. Oppure puoi prendere un taxi per la città, in 10 minuti arriverai a destinazione. Dopo il check-in puoi andare a visitare il centro storico di Cagliari che troverai proprio di fronte alla nostra base. La sera puoi andare a cena al ristorante, puoi scegliere di cenare in uno dei tanti ristoranti in città, una cena tipica sarda > Ristorante Su Cumbidu, Via Napoli +39 070670712.


2° GIORNO: CAGLIARI-VILLASIMIUS (18 mg)

Per il tuo secondo giorno puoi partire da Cagliari al mattino e salpare per Villasimius, fare una sosta verso le baie di Torre delle Stelle - Solanas - Geremeas, per poi continuare e decidere se entrare in Porto o dormire all'ancora nella baia fuori dal porto. Oppure, se non arrivi troppo tardi, potresti passare Capo Carbonara e andare ad ancorare nella famosa baia di Cala Giunco. I colori intensi del mare, le acque cristalline luccicanti, le scogliere di granito, le incantevoli insenature, i lunghi tratti di spiaggia, le lagune e le colline verdeggianti, alcune sono le ambientazioni degli spot televisivi e tutte sono mozzafiato. La costa è abbellita da una corona di spiagge intervallate da insenature e dal promontorio di Capo Carbonara. Lungo la strada panoramica che parte da Capo Boi, il punto più meridionale dell'Area Marina protetta, si trovano le meravigliose spiagge di Porto sa Ruxi, Campus e Campulongu, tutte benedette da splendidi mari blu e spiagge di sabbia bianca incorniciate da una macchia mediterranea. Da Capo Boi all'Isola di Serpentara, l'isola dei Cavoli e banchi che sono i luoghi di riposo dei relitti di tutte le epoche, la riserva marina di Capo Carbonara è ricca di tesori sottomarini. Dense banchi di pesci si muovono come nuvole senza peso su prati di dolci onde erba marina, su bastioni, in valli e canali colorati di giallo dalle margherite di mare e rossi di gorgonie.

Di ritorno a terra puoi fare shopping, gustare deliziosi frutti di mare, visitare musei e visitare siti archeologici. Vai a vedere resti risalenti all'età nuragica, visita le necropoli AccuIsTraias (I secolo a.C. - III secolo d.C.) e Cruccuris (I-II d.C.) nei pressi delle terme romane di Santa Maria, e il sito di Cuccureddus, un antico fenicio-punico insediamento successivamente rilevato dai romani. E non perdere il museo archeologico, con mostre sui tesori che si trovano sul fondo del mare. Uno di questi, la statua della Vergine del Mare, si trova sul fondo vicino all'isola di Cavoli. È stato scolpito da Pinuccio Sciola e ogni anno a fine luglio hanno la Festa della Madonna del Naufrago per commemorare coloro che hanno perso la vita in mare con una processione che porta al mare. (https://www.sardegnaturismo.it/en/places/sud/villasimius)


3° GIORNO: VILLASIMIUS-PULA (25 mg)

Per il tuo terzo giorno partirai da Villasimius navigando attraverso il Golfo di Cagliari per arrivare a Pula nel primo pomeriggio, avrai l'opportunità di rimanere lì per la notte. La sabbia bianca a grana grossa, le rocce piene di vita naturale, la torre che domina e le rovine di antiche civiltà rendono questa destinazione unica e inconfondibile. La spiaggia di Nora è una delle più famose di Pula, grazie allo sfondo delle vicine rovine romane. La baia è racchiusa da scogliere e dal promontorio, con la splendida torre del Coltellazzo, ed è quindi riparata dal vento. Quando il vento del nord soffia forte, la spiaggia è perfetta per godersi il sole e nuotare nel mare limpido e poco profondo, ideale per i bambini. I toni luccicanti del mare blu ti invitano a fare il bagno, fare immersioni o pescare sott'acqua. Ha un notevole valore storico, situato vicino al parco archeologico di Nora. La città vecchia fu fondata dai Fenici tra il IX e l'VIII secolo a.C. Tuttavia, le tracce dei Fenici e dei Punici sono state per lo più coperte dai Romani. L'area è situata ai piedi di Capo Pula, il vecchio porto, separato dalla terraferma da un istmo, che offre un rifugio sicuro da qualsiasi vento. (https://www.sardegnaturismo.it/en/explore/nora)


4° GIORNO: PULA-CHIA-MALFATANO-TEULADA (30 mg)

Per la quarta giornata al mattino puoi partire da Pula in direzione di Chia, dove puoi fermarti per il pranzo, scendere a terra e camminare su una delle spiagge più famose al mondo per la tipica sabbia bianca e fine. Quindi puoi partire da Chia e fermarti a Tuaredda nel Golfo di Malfatano, a quel punto puoi decidere di dirigerti dentro il Golfo di Malfatano dove troverai ristoranti sulle spiagge dove cenare (ristorante Malfatano Beach +39 3409004069) oppure tornando verso le 18.00, puoi entrare nel porto di Teulada, dove troverai servizi di terra, servizio Bar-Marina, docce, acqua ed elettricità.

Per la sera ti consigliamo di prenotare in uno dei ristoranti tipici sardi, dove potrai gustare piatti tipici > Ristorante Sa Tiria +390709283704


5° GIORNO: TEULADA-PORTO PINO (12 mg)

Per la quinta giornata, dovendo poi pensare di arrivare a Carloforte, dirigersi in direzione sud, una sosta per il pranzo a Cala Zafferano ti ancorerai su uno sfondo sabbioso e potrai fare il bagno nelle sue acque cristalline. Ci sono anche altre baie tra le quali consigliamo cala di Porto Scudo o cala di S'Ortixeddu e poi passare la notte a Porto Pino, un'incantevole baia dove è possibile ancorare, con una piccola città e un piccolo porto di pescatori che è possibile raggiungere con il tender.

Puoi decidere di acquistare pesce fresco dai pescatori locali o andare a cena in uno dei diversi ristoranti che troverai sia in città che sulla spiaggia. (https://www.sardegnaturismo.it/en/explore/porto-pino)


6° GIORNO: PORTO PINO-SAN PIETRO (24 mg)

Per la sesta giornata al mattino puoi decidere di visitare le grandi Dune. C'è una gemma mediterranea, un posto bellissimo molto vicino alla perfezione della natura, un ecosistema ambientale in armonia tra mare, dune, vegetazione e lagune. La baia di Porto Pino si estende per circa 6 km, tutta spiaggia di sabbia bianca, per terminare con le Dune, tra le più grandi d'Europa. Puoi raggiungerle in barca o a piedi facendo una passeggiata romantica.

Verso l'ora di pranzo è possibile partire e dirigersi verso Sant'Antioco, fare una breve sosta a Torre Cannai o intorno alla piccola Isola della Vacca, quindi proseguire verso San Pietro dove si può dormire in una delle due baie più famose, Guidi (al sicuro dal Maestrale - vento NW) o la Caletta (protetta da venti di SE).


7° GIORNO: TOUR DI SAN PIETRO-CARLOFORTE (18 mg)

Per il settimo giorno ti consigliamo di circumnavigare l'isola di San Pietro, ammirando le incantevoli spiagge, le scogliere, le grotte, il faro dell'isola e fermandoti nelle baie più riparate, con vento da maestrale (NW), Cala Guidi, Capo Sandalo, La Mezzaluna e con il vento dello Scirocco (SE), Cala Vinagra, Nasca, La Caletta...

Ti suggeriamo di arrivare a Carloforte, nella nostra base entro le 18:00 in modo da poter fare rifornimento (i gestori della compagnia di noleggio si occuperanno del rifornimento di carburante nelle barche). Quando arrivi al porto turistico di Carloforte, dopo aver sistemato la barca, puoi visitare il centro storico di Carloforte. La sera puoi cenare a ristorante, puoi scegliere di cenare in uno dei tanti ristoranti della città, una cena tipica, il piatto principale - il tonno di Carloforte - pescato proprio nelle Tonnare dell'Isola, una delle poche ancora in funzione nel Mediterraneo.

San Pietro non è noto solo per le sue coste da un lato frastagliate e dall'altro ricche di spiagge, ma affascina anche le persone che guardano oltre e che vogliono conoscere la ricca storia che circonda l'isola e la sua popolazione. (https://www.sardegnaturismo.it/en/explore/san-pietro-0)


8° GIORNO ORE 9.00

Finito il check-out  potrai visitare il centro storico, andare a visitare l'interno dell'isola con una guida turistica, acquistare souvenir o decidere di partire con il nostro esclusivo trasferimento organizzato per te e poi prendere il tuo aereo. Per partire da Carloforte è necessario prendere prima il traghetto (circa 30 minuti - ci sono corse in traghetto ogni ora del giorno e della notte - compagnia DELCOMAR) e poi un'auto che ti porterà all'aeroporto (circa 40 minuti).

 barca in Sardegna veleggiare Sardegna visitare il mare sardo
Torna su